Torre Morgana Agriturismo Vegan

Non ci sono parole per descrivere quanto sia onorata di poter condividere oggi ed ospitare sul mio sito questa bellissima intervista, spero che sia di ispirazione anche per tutti voi!
Proseguiamo dunque la rubrica #BIGvegan con Anna di Torre Morgana, lo splendido Agriturismo Vegan a Umbertide, in Umbria.
5 stelle su 5 su TripAdvisor, quasi 11.000 like su Facebook in circa tre anni di attività, amore e passione sincera per il proprio lavoro che diviene famiglia, natura, valori, condivisione e stile di vita, assumendo così i contorni di un sogno ad occhi aperti, quel sogno che tutti cercano nella vita e che si chiama autorealizzazione, dare un senso a ciò che si fa, o più “semplicemente”, felicità.
Torre Morgana ha un valore particolare per me, seguo da tempo gli aggiornamenti su Facebook e posso dire che non c’è al momento un’attività professionale che mi abbia ispirato più della loro. Se è vero che abbiamo tutti bisogno di esempi concreti e modelli di riferimento, Torre Morgana è tra i miei.
Ecco l’intervista che ho tanto desiderato per me e per i lettori di Vegangame:

Cos’è Torre Morgana e cosa rappresenta per voi?

Torre Morgana è la realizzazione del nostro sogno. Da anni cercavamo una casa che potesse accogliere, in un contesto naturale, noi, i nostri cani e cavalli. Volevamo iniziare una nuova fase della nostra vita, lontani dalla città, dai rumori, dall’aria ormai irrespirabile, da ritmi di vita frenetici, da un ambiente che non ci apparteneva e a cui non appartenevamo. Abbiamo trovato questo casale immerso nel bosco delle colline umbre e subito, per la prima volta, ci siamo sentiti veramente a casa. Torre Morgana è il nome che abbiamo scelto per questo luogo: “Torre” perché affiancata al casale c’è una antica torre di avvistamento medievale, adibita ora a camere per gli ospiti; “Morgana” dal nome della nostra prima cavalla. Ora Torre Morgana è un agriturismo, esclusivamente vegan, dove poter soggiornare, rilassarsi, stare a contatto con i nostri animali e con la natura che ci circonda e, forse, ritrovare se stessi.

Cosa vi piace di più del vostro lavoro?

Il nostro precedente lavoro ci soddisfaceva molto ed eravamo entrambi realizzati professionalmente (io ero psicoterapeuta e mio marito un imprenditore), ma ci mancava qualcosa. Desideravamo passare più tempo nella natura, con i nostri animali, dove far crescere la nostra bambina in un ambiente sano e semplice. Il nostro lavoro ora ci consente di essere coerenti con i nostri valori, di incontrare sempre persone nuove, stare con i nostri animali, avendo però dei ritmi più “umani”. Le nostre giornate sono sempre piene ed impegnative, ma riusciamo a gestire il nostro tempo e i vari impegni senza fretta, urgenza e stress.

Da dove nasce l’idea del menù vegan?

Io e mio marito eravamo vegetariani da molti anni e tre anni fa abbiamo aperto l’attività come agriturismo vegetariano e vegano. Abbiamo avuto da subito molte richieste tra i nostri ospiti di menu esclusivamente vegani. Così, gradualmente, abbiamo cominciato a cucinare solo vegan e ci siamo resi conto che questo tipo di cucina non è affatto complicata, costosa, impegnativa né limitata come purtroppo ritenevamo erroneamente. Ci siamo sentiti così davvero coerenti con i nostri valori e la nostra coscienza. Inoltre, a consolidare la scelta, abbiamo avuto molti riscontri positivi in termini di salute. Ci dispiace solo non aver fatto prima questa scelta e di non esserci informati correttamente prima. Ora le nostre colazioni e le nostre cene sono esclusivamente vegane.

Chi sono i clienti?

I nostri clienti sono coppie, famiglie con bambini, gruppi di amici, ma anche single, che cercano un posto immerso nella natura dove potersi rilassare, conoscere e osservare i nostri animali, incontrare animali selvatici, frequentare altre persone in un contesto non caotico e chiassoso, mangiare vegan, essere ospitati in un casale nel bosco ma anche in una posizione strategica per vedere le innumerevoli mete turistiche, paesaggistiche, storiche e naturalistiche che l’Umbria sa offrire. Sono ospiti che cercano una struttura dove sentirsi a casa, tra amici, dove si mangia tutti insieme in un unico grande tavolo, dove poter fare le proprie vacanze con il proprio cane, gatto (c’è chi è arrivato anche con un coniglio), dove la connessione wi–fi non è una necessità, perché c’è tutto un mondo intorno e dentro di se a cui connettersi!

Come si svolge la vostra giornata tipo?

Le nostre giornate sono regolate dalle stagioni e dalla presenza o meno degli ospiti. La mattina si preparano le colazioni per gli ospiti e si preparano anche le colazioni per gli animali! Abbiamo asinelle, cavalli, cani, gatti, galline e oche che la mattina hanno sempre appetito e si fanno sentire con i loro ragli, miagolii, abbai, nitriti…
Poi mio marito Massimo si dedica all’azienda e quindi a seconda della stagione c’è da potare, tagliare l’erba, aggiustare recinti, pulire i pascoli, seguire l’orto, raccogliere i frutti, tagliare la legna, sistemare la strada sterrata… Se ci sono ospiti fa loro da cicerone nell’azienda, li accompagna nei pascoli, organizza escursioni in fuoristrada, insegna a relazionarsi coi cavalli attraverso lezioni di equitazione naturale… Io invece mi dedico alle camere, alle attività dell’agriturismo, alla creazione e realizzazione del menu, e alla nostra casa, oltre alle esigenze che una famiglia comporta. I ruoli non sono comunque rigidamente fissati, a me piace molto dedicarmi all’azienda quando non ci sono gli ospiti e Massimo è un prezioso aiuto in cucina. La sua passione sono le torte e i dessert! Nel poco tempo libero che ci rimane ci piace stare coi nostri animali, concederci passeggiate nel bosco coi cani, giocare con le asinelle e i cavalli, oziare sull’amaca coi gatti, fare pic nic nel pascolo, raccogliere bacche e erbe selvatiche per impreziosire i nostri piatti, fare dei sonnellini nella casetta sull’albero…

In che modo la vostra attività avvicina le persone al mondo vegan?

Tra i nostri ospiti arrivano anche persone che vogliono provare e conoscere la cucina vegan. Assaggiare le nostre ricette, che condividiamo sempre, confrontarsi sulle paure e pregiudizi che spesso incombono su questo stile di vita, poter fare domande e esprimere curiosità e dubbi senza essere giudicati, osservare i nostri animali (alcuni di loro sono animali da reddito che abbiamo adottato, a cui abbiamo dato un nome, amore e un futuro), da un’opportunità di vedere che la scelta vegana è una scelta di vita che non priva di nulla, che non richiede sforzi immensi, che non danneggia la salute, che non è costosa, che non è estrema, ma che anzi arricchisce la propria vita di amore, empatia, compassione, salute e gioia.

Bilancio ad oggi e obiettivi per il futuro?

Siamo molto felici dei risultati raggiunti, anche se il lavoro è davvero impegnativo poiché siamo solo in due persone che seguono tutto. Siamo partiti senza esperienza alcuna nel settore e la passione e l’entusiasmo ci hanno aiutato. Per il futuro speriamo di mantenere la passione e questi livelli di professionalità e amore per il nostro lavoro.

Cosa consigliereste a chi vuole seguire il vostro esempio? Ci sono errori da evitare e aspetti meno piacevoli del vostro lavoro?

A chi vuole seguire il nostro esempio consiglio di seguire le proprie passioni e valori, senza ascoltare chi tenta di scoraggiarci. Noi abbiamo fatto alcune scelte nella conduzione della struttura che inizialmente non erano condivise dagli “esperti ” del settore. Ci siamo presi le nostre responsabilità, scegliendo non in base alla logica e al buon senso, ma basandoci su quello che ci piaceva e che ci rispecchiava. Abbiamo lasciato una vita sicura e solida, dei legami famigliari, delle sicurezze, andando incontro ad un futuro tutto da ricostruire, senza esperienza, senza certezze, con una bambina piccola, non proprio giovanissimi. Gli errori, che abbiamo sicuramente fatto, ad oggi li rifaremmo tutti. Non ci piace mai parlare di errori, ma di tentativi mal riusciti o strategie non efficaci, ma fondamentali quanto i successi, perché ci consentono di restare coi piedi per terra, di crescere, di migliorarsi sempre…
Per quanto riguarda gli aspetti meno piacevoli del nostro lavoro non me ne vengono in mente!
Certo qualche rinuncia c’è, avere gli animali ci “obbliga ” a dover rimanere qui, non potersi allontanare da casa per periodi lunghi… ma quando la tua casa è il luogo in assoluto dove più ami stare non c’è rinuncia alcuna.

Questa bellissima intervista è finita, spero che l’abbiate apprezzata tanto quanto me e mi concedo un’ultima osservazione. Pur non conoscendo Anna e Massimo di persona, non mi sarei aspettata un finale diverso, l’amore che mettono in ciò che fanno è cristallino. Un connubio invidiabile tra vita personale e vita professionale in cui il principale collante è l’amore e la coerenza con i propri valori. Farò tesoro di queste parole e mi ritrovo qui a confermare pubblicamente la mia stima e il mio interesse nei confronti di persone come loro, che hanno il coraggio di cambiare, tagliare i ponti col passato, inseguire la propria visione del futuro, assumersi quotidianamente le proprie responsabilità e restare in contatto con la parte più profonda della natura umana.

Per saperne di più su Torre Morgana, qui trovate alcuni link utili:

Sito Web: Torre Morgana
Pagina Facebook: Torre Morgana Agriturismo Vegano in Umbria

Ringrazio di cuore Anna per il tempo che mi ha dedicato e invito tutti alla prossima intervista #BIGvegan!

Continua a seguire VEGANGAME su Facebook o iscriviti alla Newsletter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime interviste e su tutti gli articoli pubblicati sul blog!

A presto!
Martina

Puoi seguire Vegangame sul tuo social network preferito:

Facebook, Pinterest, Instagram, Twitter, Google+

o tramite Newsletter

5€ in regalo per te su www.cibocrudo.com utilizzando il codice 220MS

L'autore

Martina Sepi

Fondatrice e blogger di Vegangame.it, si occupa di temi legati al piacere di essere vegan. Perché possiamo conquistare il mondo divertendoci!

E-mail | | Sito web